mercoledì 15 luglio 2009

Piano di fuga

Il tempismo, per quanto riguarda i cambiamenti di un certo peso, non e' mai stato il mio forte.

Quando sono arrivato nell'azienda dove lavoro attualmente, era appena finito il periodo delle vacche grasse. Potevo acquistare casa nell '99, ma la mia compagna di allora aveva un affitto molto buono e cosi', a storia finita, mi sono ritrovato a dover comprare un appartamento nel 2002, quando gia' i prezzi viaggiavano a +50% rispetto a soli tre anni prima.

Ora naturalmente per poter concretizzare la nostra idea di cambiamento e' necessario vendere la casa, in un momento in cui il mercato immobiliare cala di volume, e trovare almeno un lavoro, in un periodo in cui le aziende chiudono o comunque tengono atteggiamenti di prudenza. Quel che si dice il tempismo...

A volte viene lo sconforto, ma l'importante e' non mollare MAI.

I nostri curricula sono attualmente piazzati in un paio di agenzie di lavoro temporaneo e siamo in pista per qualche concorso pubblico. La mia dolce 3/4, piu' titolata e specializzata in piu' campi, puntera' a posizioni di maggior tranquillita' e redditivita'. Il sociale e' il suo forte, ma con una laurea in lingue puo' puntare anche al settore commerciale o turistico. Io, che di IT e di vita d'ufficio non ne vorrei piu' sapere, ambisco a lavori manuali che siano attimenti al settore agroalimentare e dove, possibilmente, ci sia da imparare qualcosa.

Alla fine, io dovrei essere la testa d'ariete, perche' mirando a posizioni di "minor pregio" dovrei fare meno fatica.

E invece da tre mesi nulla si muove...

Certo lo so che comunque quando cerchi lavoro i primi tempi sono frustranti; vorresti che ti contattassero al volo e non si fa vivo nessuno. Poi, magari, all'improvviso ti contattano in dieci, tutti assieme. Il mio amico Gimmy ha cambiato tre o quattro posti di lavoro nel giro di un anno. Sperem.

Per quanto riguarda la casa, certamente luglio e agosto non sono i mesi migliori per aspettarsi di venderla. Vedremo in autunno come si mette.

Nel frattempo godiamoci l'estate e ricarichiamo le batterie per il colpo di coda finale: domani si parte per un bel fine settimana allungato in campagna, dove ci auguriamo di trovarci presto in pianta stabile!

2 commenti:

  1. Tenete duro.

    GIOCARE SEMPRE FINO ALL'ULIMA CARTA.. SE NE VALE LA PENA.

    RispondiElimina
  2. eccome se ne vale la pena!
    siamo appena tornati da la'... pareva di essere in paradiso.

    RispondiElimina