martedì 8 settembre 2009

Oro de Calabaza by Jolly Pumpkin Artisan Ales

Sabato io e Voppe ci siamo dedicati allo shopping. E lo shopping, i maschietti birromani lo fanno al beershop.

Ci siamo percio' recati da A tutta birra in via Palazzi 15, il primo beershop aperto a Milano. Un po' fuori mano rispetto a noi, ma ne e' valsa la pena: un paio di belghe suggerite da Voppe, un tris di Brewdog tra cui la stratosferica Hardcore e due Jolly Pumpkin, la Bam Biere e la Oro de Calabaza.



Si tratta di una strong golden ale nello stile franco-belga, come recita la descrizione commerciale, maturata in tini di rovere, addizionata di lieviti selvaggi e rifermentata in bottiglia.

All'aspetto si presenta parecchio opaca, ragion per cui l'ambrato scarico tende un po' alla cacchetta; la schiuma e' abbondante e pannosa, non molto fine e sufficientemente persistente. Diciamo che non e' la bellezza il punto forte del prodotto.



Al naso si evidenziano subito i lieviti selvaggi precedentemente annunciati: il Brettanomyces la fa da padrone, anche se e' di quel tipo che amano molto gli Americani, stando agli assaggi fatti in California, con l'animale a ranghi ridotti ed l'agrumato (citrico) in grande evidenza. Mi rammenta alcune birre brettate provate da Russian River e devo dire che e' un carattere Brett che a me piace molto, pur apprezzando prodotti ben piu' "bestiali" come la Orval.

Una certa dolcezza di malto fa da sfondo ad aromi speziati e pepati. Con il riscaldarsi emerge meglio un pepato da luppolo, precedentemente un po' in sordina. Il bouquet e' veramente gradevole e piuttosto complesso.

La beva e' a mio avviso grandiosa: la birra e' fresca, splendidamente agrumata e molto lunga. Gli 8 gradi alcoolici sono mascherati alla grande ed il corpo esile, senza sconfinare nell'acquoso. Mi e' piaciuta un sacco. Una birra facile, ma interessante e molto appagante, tanto che i 75 cl del formato non hanno pesato affatto (e quando mai!).



In generale trovo molto interessante la filosofia di questo birrificio che, nonostante i nomi dei prodotti evochino il Messico, o dintorni si trova a Dexter nel Michigan. La produzione riprende infatti gli stili tipici del Belgio, con quel pizzico di personalita' americana che avevo gia' avuto modo di scoprire nel mio pellegrinaggio californiano.

Voglio sottolineare inoltre che non e' la prima volta che bevo loro birre e, a distanza di tempo, le ho trovate sempre a posto. La prima assaggiata (grazie, Marcio!) e' stata La Roja, all'inizio dell'anno.

Sia questa che la Bam Biere - entrambe da 3/4 - se ne sono venute via a 10 Euro cadauna. Un prezzo onesto, direi, se raffrontato agli standard odierni della birra artigianale. Basti considerare che birre italiane con lavorazioni decisamente meno complesse e addirittura con standard qualitativi non attendibili (per usare un eufemismo) si acquistano tranquillamente a 12-14 Euro. Beh, che se le tengano!

mercoledì 2 settembre 2009

Ricetta: Cutie Trudie Rye IPA

Due post, oggi. Che giornata prolifica!



Ho fatto l'ultima birra in casa ad Aprile, pensando (sperando) fosse l'ultima in assoluto fatta a Milano. Mi sbagliavo e vabbe'. Tra un po' la temperatura in casa sara' nuovamente adatta alla birrificazione e percio' cominciamo ora a stendere una ricettina adatta a dar fondo alle materie prime, soprattutto ai pacchetti aperti di luppolo che giacciono in congelatore.

Ecco qui una bella aipiei, che a me mi piacciono: birre piacevoli e di facile realizzazione, senza troppi sofismi.

Cutie Trudie Rye IPA

Ingredienti per 20 l a OG 1067 (~16 Plato)

Fermentabili:
  • 5,5 Kg di malto Maris Otter
  • 0,5 Kg di fiocchi di segale, magari cornuta
  • 0,3 Kg di malto Crystal 60°L
Luppoli:
  • 30 g di Target in plug (10% AA) a 90'
  • 35 g di East Kent Goldings in pellet (5% AA) a 10'
  • 35 g di East Kent Goldings in pellet (5% AA) al flameout
  • 40 g di Willamette in fiori (6% AA) in dry-hopping per tre settimane in maturazione, dopo il travaso
Lievito: Fermentis US-05 secco in busta da 11 g, reidratato con mosto

Caratteristiche previste:
  • FG 1014
  • ABV 7,0%
  • IBU 60
  • SRM 16,45
Carbonazione con 3 g/l di zucchero di canna bio-equo-eccetera, non troppo scuro ma un po' si', dai.

Pensavo di confezionare un fustino da 5 l, che da' sempre le sue belle soddisfazioni, e il resto in bocce da mezzo litro per il consumo quotidiano.

Poi, quando verra' fatta, faro' sapere (quant'e' buono il formaggio con le pere).

Update: prossimi passi

Tutto tace per ora sul versante Friulano.

Gli amici giustamente mi chiedono aggiornamenti sullo stato dell'arte e quindi vado qui a dettagliare, che senno' che ci sta a fare un blog?

Tutto tace, dicevo, sul versante lavorativo: nessuna risposta ai curricula inviati e depositati in locali agenzie di lavoro temporaneo. Devono davvero essere tempi duri, ma non molliamo. Ultimamente abbiamo deciso che l'aspetto lavoro sara' comunque subordinato alla vendita della casa. Se si vende si va e poi si vede.

D'altro canto il tipo di lavoro che vado cercando io (manuale, meglio nel settore agroalimentare) e' assai piu' probabile che si trovi stando sul posto, parlando con la gente e conoscendo il territorio, piuttosto che attraverso lo scambio epistolare a distanza. Voglio dire: mi metto nei panni di uno che cerchi un operaio in caseificio, un bracciante agricolo o figure similari e si veda arrivare il CV di un tizio che fa l'amministratore di sistemi. Mi beccherebbe male. Meglio parlare a quattr'occhi.

Questa settimana sarei dovuto andare la' per affrontare il concorso per agente di polizia municipale in sostituzione maternita', ma in extremis ho stabilito che non fosse il caso, per piu' di un motivo. Anche perche' mia moglie affrontera' fra tre settimane il suo concorso per assistente sociale ed ho cosi' preferito tenermi le ferie per seguirla.

Cosi' avremo modo di girare un po' e vedere che si puo' tirar fuori, parlare con un po' di persone, martellare 'ste cazzo di agenzie, ecc. Magari ci scappa anche una vendemmia, che mi piacerebbe assai.

Nel frattempo, aspettiamo di vedere se qualcuno si fa vivo per acquistare la casa. Appropo'... se a qualcuno serve un bilocale a Milano, batta un colpo! Venghino, siori, venghino: non siamo qui per vendere, ma per regalare! (beh, quasi)