venerdì 27 novembre 2009

"La flemma e' la virtu' dei forti"

Cosi' parlava Ale, mio compagno di scuola in quinta liceo. Impareggiabile maestro di pensiero, Ale, mica no. Uno dei tanti guru personali che nel mio percorso di vita hanno avuto da insegnarmi qualcosa e quasi mai in maniera volontaria.

E' spesso cosi': se la massa umana mi fa francamente cacare nel suo insieme, e' indubbio che innumerevoli individualita' all'interno di essa mi si rivelino invero pregevoli.

Cosi' anche Silvio, il profeta della serenita' dalla monumentale barba rossa, anni piu' tardi mi ribadiva che "la calma e' la virtu' dei forti... e la fretta e' nemica della cultura". E giu' aneddoti da piegarsi in due dal ridere, perloppiu' incentrati sui personaggi della Disneyland aziendale che allora ci contornava.

Ora, dove voglio andare a parare con tutto cio?

Mi e' stata fatta un'offerta per la casa. E' un'offerta piuttosto bassa. E' la prima offerta che arriva dopo 5 mesi dalla messa in vendita.

Se accettassi, potrei essere fuori dai coglioni ragionevolmente entro marzo. E la voglia e' tanta.

Se accettassi, dovrei bruciare una fetta di risparmi per arrivare alla cifra X e mi troverei poi con meno risorse per ristrutturare la casa in Friuli e per avviare l'attivita' agricola. Una prospettiva davvero di merda trasferirsi senza lavoro e colle pezze al culo.

Quindi, memore degli insegnamenti dei miei guru usero' la Flemma e respingero' l'offerta. Calma, riflessione e disciplina ci vogliono, perche' fare una cosa del genere a cazzo e' follia pura.

Intanto il cielo, qui nella citta' delle autoimmobili, e' nero oramai da giorni. Pare il preludio dell'armageddon, diobono!

Mah.

1 commento:

  1. Forte del periodo di vacche magre, chi vorrebbe comprare casa o semplicemente fare investimenti ci prova adesso. Credo che si possa aspettare anche l'anno prossimo... ma prima o poi i prezzi cominceranno a risalire.
    Se puoi aspettare così tanto... abbi fede :)

    RispondiElimina