lunedì 8 marzo 2010

Sabato all'IBF

Manco il bisogno di scomodare la bicicletta: sabato, 12:30, lo scrivente e consorte si incamminano verso il Palalido per tazzare qualche birra all'Italia Beer Festival, la manifestazione sulla birra artigianale organizzata dall'Associazione Degustatori Birra.

Mezz'ora di passeggiata e siamo li'. Subito incontriamo gli stand di Beppe e Cesare, dove e' pericoloso fermarsi a lungo. Si riveleranno infatti, come al solito, i produttori col piu' alto livello di qualita' tra i presenti alla manifestazione. Infatti, nonostante il beer geek sia irrefrenabilmente e quasi irreparabilmente afflitto dal desiderio di provare sempre roba nuova, come uno si ferma a ragionare un attimo, si accorge che Rebelde e Edenblanche, Artigianale e Confine gia' danno senso compiuto al fatto di essere li'.

Con un certo sforzo, quindi, ci si schioda da li' per un primo giro di perlustrazione. Tra le cose per me nuove rammento la Seta del birrificio Rurale, una blanche mostruosamente intensa ma dal bell'equilibrio; la Calypso di Valcavallina, ottima american pale ale; poi la BIA Oatmeal Stout del Ducato. Personale riconferma per la Ipe' del San Paolo, pur nella versione rivisitata col chinotto.

Poi succede che, scemando il fragile impeto degustatorio, anche a causa del continuo imbattersi in esemplari funestati dai piu' svariati off-flavour, e con l'incrementarsi inesorabile del tasso alcoolico, si ripara nell'aspetto che prediligo di piu' in questo genere di eventi: la tazzata di qualita' e le chiacchere con amici e conoscenti.

Scopro cosi' che questo blog ha insospettati lettori, i quali ringrazio per gli immeritati complimenti.

Il resto del pomeriggio trascorre cosi' lietamente, fino a quando non si constata un esponenziale aumento della massa umana presente: e' tempo per l'orso di tornare nella tana.

6 commenti:

  1. Bella giornata, ogni volta nonostante io cerchi di assaggiare sempre cose nuove scopro di essermi perso qualcosa di imperdibile, evvabbeh :)
    Peccato non esserci incrociati, un brindisi lo facevo volentieri ;)

    RispondiElimina
  2. Zio le foto della session :-) !!!
    Venerdì all'IBF con Voppe ci siamo divertiti e abbiamo provato un po' di tutto, poco per la verità,ci voleva anche il sabato... in compenso ci siamo presi un bel raff
    reddore!!

    RispondiElimina
  3. @Luca: solitamente io mi faccio un giro e cerco di assaggiare con criterio cose che non conosco, poi pero' il richiamo delle birre "solite note" e' fortissimo! ;)

    @zio B: grazie ancora per la serata di giovedi'; devo ancora elaborare le foto eppoi ci faccio un bel post... fotografico!

    RispondiElimina
  4. La torta alla Nonna F è piaciuta??

    RispondiElimina
  5. Ciao Harvey!
    Visto che mi hai citato (credo di rientrare tra gli "insospettabili" lettori di cui sopra), intervengo per ricambiare i saluti. All'IBF, purtroppo, ho dovuto limitare gli assaggi allo strettissimo necessario (che comunque, tutto sommato, ha significato un paio di litri, degustazione con Montegioco compresa) in quanto il giorno seguente avrei esordito nel podismo agonistico con la mia prima mezza maratona (21 Km durante i quali, tra l'altro, si ha il tempo di pensare a tutti i vizi che minano il fisico e rendono la corsa meno fluida e più sofferente). Comunque è andato tutto bene, sia l'IBF (a riguardo non posso che confermare le considerazioni tue e degli altri amici intervenuti; d'altronde se i "soliti noti" sono tali ci sarà pure un motivo, no?) che la corsa. Che poi, di per sè, è una disciplina molto ecologica e rispettosa del prossimo; peccato che, per gareggiare, siano giunti a Stresa un paio di migliaia di podisti in auto e pulmini, assicurando il dovuto contributo domenicale all'avvelenamento della salute pubblica...
    Buona notte (è il caso di dirlo).
    Ale

    RispondiElimina
  6. Ciao Ale,

    si' la corsa e' un bell'affare, ma praticarla a Milano mi scappa la poesia. Ci ho gia' provato eppoi c'e' lo zio Voppe che e' un patito e ogni tanto prova a tirarmi in mezzo.

    In Friuli, dove andro' a vivere, c'e' tutta una ghiotta campagna da esplorare di corsa e chissa', magari un giorno saro' anch'io un agonista!

    ROTFL, si', un agonista della tazzata! :)

    No, dai, prendo spunto da questo tuo commento e mi riprometto, quando andro' a farmi una settimanella a Pasqua, di portarmi braghette e scarpe per correre.

    Lo dico anche alla zia F!

    RispondiElimina